La conservazione a lungo termine è l'obiettivo primario per PAD. La velocità di evoluzione del settore informatico rende difficoltosa la capacità di delineare un quadro sicuro per la salvaguardia dei dati. Non si può sapere con esattezza cosa ci riservi il futuro, e dunque per un progetto di archivio digitale è stato necessario creare fin da subito un'architettura solida, slegata da prodotti commerciali e in grado di evolversi nel tempo.

Il sistema PAD non è assimilabile ai servizi di ingestion di repository istituzionali. L’autore fornisce informazioni sommarie relative al conferimento, il resto del lavoro è affidato primariamente ai software del sistema, in grado di archiviare, convertire e recuperare tutte le informazioni di base in maniera automatica, collegando i file duplicati e segnalando eventuali problemi.

PAD mantiene separati i fondi e ha un'architettura distribuita su cinque diverse aree per la memorizzazione e l'elaborazione dei dati.