La memoria digitale (vulnerabile) degli scrittori

"Appunti, bozze, versioni di romanzi, poesie e saggi: una volta era tutto cartaceo (e durava nel tempo), oggi è tutto digitale (e rischia di andare perduto). A Pavia, dove già si tutelano gli archivi di molti grandi autori del Novecento, si lavora per mettere al sicuro il patrimonio digitale dei contemporanei"

Chiara Severgnini racconta su 7 del Corriere il lavoro di PAD Pavia Archivi Digitali

LINK

Leave a Reply