• La memoria digitale (vulnerabile) degli scrittori

    "Appunti, bozze, versioni di romanzi, poesie e saggi: una volta era tutto cartaceo (e durava nel tempo), oggi è tutto digitale (e rischia di andare perduto). A Pavia, dove già si tutelano gli archivi di molti grandi autori del Novecento, si lavora per mettere al sicuro il patrimonio digitale dei contemporanei"

    Chiara Severgnini racconta su 7 del Corriere il lavoro di PAD Pavia Archivi Digitali

    LINK

  • PAD a Tempo di Libri

    PAD ha partecipato a Tempo di Libri, la fiera internazionale dell'editoria che si è tenuta a Milano dall'8 al 12 marzo.

    Scusi, lei lo scriverebbe un romanzo con il computer?
    Con Franco Buffoni, Francesco Pecoraro e Gino Roncaglia

    In un’inchiesta degli anni ’80 gli autori raccontavano la loro diffidenza nei confronti del computer. Il modo di scrivere è cambiato, è digitale: si lavora con il computer e altri dispositivi, si scrive sul web, sui siti personali, i blog e i social network. Come si orienta lo scrittore?

    Il video di UCampus